+39.0571.1510579 info@connecta.app

Come faremmo nel 2021 senza shopping online? Fino a 10 anni fa non tutti ricorrevano all’acquisto tramite app o e-commerce ma questa pratica è rapidamente diventata di uso comune. Una pratica così comune tanto che anche nelle piccole città e borghi storici, molti negozianti hanno deciso di intraprendere anche la strada dello shopping online per raggiungere un bacino più alto di clienti.

INSTAGRAM O GOOGLE?

Malgrado le piattaforme e-commerce siano sicuramente le più gettonate per chi decide di acquistare online, molti brand hanno deciso di puntare anche su altri stratagemmi nel mondo dell’advertising. Non certo in sostituzione al più classico e-commerce quanto per sostenerlo e aumentare il bacino di clienti o possibili tali.

In questo panorama spiccano senza dubbio i canali social dedicati Google shopping e Instagram shopping.

 

SHOPPING ONLINE – INSTAGRAM

All’interno del mercato delineato dalle campagne di advertising che alcuni social network mettono a disposizione si colloca Instagram Shopping, una skill della piattaforma che serve a rendere “produttivo” un account. Non solo da punto di vista di coinvolgimento e brand awareness ma anche per incrementare i profitti consentendo agli users di acquistare direttamente dalla piattaforma.

Instagram, essendo il social per eccellenza riguardante il lifestyle, la moda e le esperienze in senso lato, è il perfetto contenitore dove postare immagini e video che coinvolgano appunto questi temi. Le aziende che si occupano di moda, viaggi e stili di vita, hanno trovato su questa piattaforma il luogo perfetto dove far crescere la loro community. Una audience popolata da utenti in costante ricerca di ispirazione e novità. Nel 2018 Instagram ha introdotto la possibilità di ottenere informazioni riguardanti oggetti o brand direttamente navigando sulla piattaforma. L’utente deve solamente cliccare su un’immagine per conoscerne tutti i dettagli. Ad esempio. Abbiamo appena visto scorrendo sul feed di Instagram un paio di scarpe da trekking che vorremmo acquistare. Cliccando sull’immagine riuscirò a identificare il loro costo, chi sia il produttore e, perché no acquistarle direttamente. In questo caso sarà Instagram a dirottarmi sul sito e-commerce dell’azienda che produce quel determinato paio di scarpe.

BENEFICI PER LE AZIENDE

Per le aziende questo rappresenta indubbiamente un investimento sensato e proficuo che va ad incrementare il traffico dell’e-commerce di un brand. Per l’attivazione è necessario caricare il catalogo dei prodotti su Facebook (proprietario di Instagram) e attendere che questi dati vengano trasferiti alla piattaforma. Al termine di questo passaggio, che solitamente richiede circa 15 giorni, vedrete su Instagram la possibilità di taggare prodotti nelle foto (massimo 5 tag per foto). Ogni qual volta aggiungerete un nuovo prodotto sul catalogo, sarà Instagram a indirizzare il nuovo tag sul sito e-commerce precedentemente stabilito.

 

SHOPPING ONLINE – GOOGLE

Google shopping consente di sfruttare le ricerche che gli utenti Google fanno nel momento dell’acquisto di un prodotto. Si basa sulla creazione di una vetrina prodotti online su Google. Qui il brand inserisce i suoi prodotti e annunci a questi collegati, specificandone prezzo e caratteristiche. Visto che Google shopping si basa sullo stesso principio di Google Adv, gli annunci di tali prodotti compariranno non appena un utente inserisca una specifica ricerca sul browser.

Può essere un utile alleato per quelle attività che si muovono, ad esempio, sulla base delle stagionalità (come i prodotti natalizi) e vogliono raggiungere un numero di potenziali acquirenti molto elevato. Google shopping, consente alle attività di attivare anche determinate skill. Tra quest abbiamo il remarketing, il posizionamento dovuto a Google immagini e Smart per rendere ancora più efficaci le campagne di vendita online. Per attivare Google shopping è sufficiente creare un account Google Ads e sfruttarne tutti i benefici.